it 
  •  fr
  •  gb
  •  de
  •  es
  • Inspirations
    Novità

    Universi :  Ufficio

    L'ufficio è nato tardi. Fino alla fine del XVII secolo, i chierici usavano lo scriptional, una piccola scrivania portatile o indipendente, mentre nell'arredamento domestico, cassapanche e tavoli venivano utilizzati come mobili per scrivere. Per proteggerli dalle macchie d'inchiostro, sono stati ricoperti con un tappeto di trucioli di legno, che ha dato il nome alla "scrivania". Una custodia per la scrittura a ribalta contiene materiale per la scrittura.  Nuove forme dell'ufficio nel XVIII secolo / Dalla Reggenza in poi, la decorazione e l'arredamento si liberano gradualmente dalla solennità del XVII secolo, per andare verso una sempre maggiore ricerca di comodità e intimità. Anche gli uffici sono cambiati nelle dimensioni e nell'arredamento, adattati ad appartamenti di piccole dimensioni. Così, sotto Luigi XV, lo scrittoio "dos d'âne", curvo e decorato su tutti i lati, può essere collocato al centro di una stanza. Le bonheur-du-jour apparve anche nel 1760 e sembra essere stato progettato per le donne. Anche il bonheur-du-jour appare negli anni Sessanta del XVII secolo e sembra essere stato progettato per le donne. La scrivania di questa piccola, alta e snella signora ...
    EVP
    ITALY DREAM DESIGN
    ID.Bureaux Mobilier & Agencement
    Ph Collection
    MA/U Studio
    CALMA
    SIDE

    Scoprite la selezione di...

    Paolo Cappello
    Designer, Creatore
    Sarah Lavoine
    Architetto d'Interni
    Thomas Bastide
    Designer
    Christian de Beauvais
    Architetto D.P.L.G
    ... è costituita da un tavolo da scrittura con una fila di cassetti o di foglie. L'altra grande invenzione è lo scrittoio cilindrico creato per Luigi XV da Jean-François Œben nel 1760 e consegnato da Jean-Henri Riesener nel 1769: molto facile da usare, permette di nascondere le carte sul tavolo con un solo gesto e riscuote un grande successo fino alla fine del XVIII secolo. Proveniente dalle Fiandre, lo scriba fu importato in Francia nel XVIII secolo via Bordeaux: fatto di mogano o di legno naturale, è un mobile con due corpi, la parte superiore che forma una libreria, la parte inferiore una cassettiera. È separata al centro da una scrivania a ribalta. Sotto Luigi XVI apparve un nuovo mobile da scrittura, con un lungo futuro davanti a sé: il secrétaire à plattèt en cabinet, che sarebbe diventato, sotto l'Impero e fino a Luigi Filippo, il tradizionale secrétaire à plattèt, amato per i suoi volumi semplici e la sua grande capacità di stoccaggio. 

    Dalle scrivanie da ebanista alle scrivanie da funzionalista / Art Nouveau e poi Art Deco ha continuato questa tradizione trasformando la scrivania in un mobile: l'Art Nouveau riscopre le curve e l'intarsio dello stile Luigi XV, l'Art Deco mette in risalto essenze scure e preziose come il mogano, l'ebano o il macassar, e combina il lusso dei materiali con una geometristica monumentale di forme ereditate dallo stile Luigi XVI. Con il funzionalismo e l'avvento del metallo a partire dal 1927, la scrivania e la sua sedia divennero elementi d'arredo emblematici di uno spirito nuovo: linee pure e geometriche, senza ornamenti, la scrivania deve soprattutto favorire un ambiente di lavoro confortevole. La sedia da ufficio, come quella della dattilografa, sarà altrettanto ergonomica: la loro altezza variabile, la mobilità della base con ruote, lo schienale reclinabile e i poggiatesta permettono al corpo di sopportare lunghe ore di lavoro in posizione seduta o di poter prendere le parole al volo. Dalle scrivanie da ebanista alle scrivanie da funzionalista / Art Nouveau e poi Art Deco ha continuato questa tradizione trasformando la scrivania in un mobile: l'Art Nouveau riscopre le curve e l'intarsio dello stile Luigi XV, l'Art Deco mette in risalto essenze scure e preziose come il mogano, l'ebano o il macassar, e combina il lusso dei materiali con una geometristica monumentale di forme ereditate dallo stile Luigi XVI. Con il funzionalismo e l'avvento del metallo a partire dal 1927, la scrivania e la sua sedia divennero elementi d'arredo emblematici di uno spirito nuovo: linee pure e geometriche, senza ornamenti, la scrivania deve soprattutto favorire un ambiente di lavoro confortevole. La sedia da ufficio, come quella della dattilografa, sarà altrettanto ergonomica: la loro altezza variabile, la mobilità della base con ruote, lo schienale reclinabile e i poggiatesta permettono al corpo di sopportare lunghe ore di lavoro in posizione seduta o di poter prendere le parole al volo.

    L'ufficio del ministro, simbolo del potere / A causa delle dimensioni ridotte dei nostri appartamenti contemporanei, l'ufficio sta diventando sempre più piccolo. Ma l'ufficio esecutivo rimane uno dei simboli del potere: è ai più grandi progettisti del momento che i vari presidenti della Repubblica chiameranno ad arredare l'Eliseo o i ministeri. Anche se questi designer non hanno più inventato nuove forme, come la creazione di Œben dello scrittoio a cilindro per Luigi XV, hanno comunque offerto pezzi unici e hanno trovato, attraverso il lusso dei materiali, l'ampiezza o la grazia delle forme, lo spirito dei grandi ebanisti del XVIII secolo. Così Pierre Paulin che, per il Mobilier National, realizzerà pezzi unici o in edizione limitata: è a lui che dobbiamo lo scrittoio di François Mitterrand ordinato nel 1983 e consegnato nel 1988. È André Putman che ha progettato l'ufficio del Ministro della Cultura nel 1985: a forma di mezzaluna, combina il sicomoro e il bronzo, mentre la poltrona dell'ufficio è rivestita da un elegantissimo rivestimento in pelle grezza. 

    L'ufficio all'ufficio: open space / Con lo sviluppo del terziario, lo spazio dedicato alle attività d'ufficio non ha fatto che aumentare. Negli anni '50 è nato il concetto di "open space", una piattaforma aperta dove gli uffici non sono più separati e dove i dipendenti possono vedersi e sentirsi. Con il recente aumento del numero di call center, sono state create anche nuove forme di uffici online, compatti e con pareti sottili. Le origini dell'open space risiedono negli "uffici a pianta aperta" immaginati dai fratelli Schnelle negli anni Cinquanta: "Uno spazio di lavoro a pianta aperta apre le menti". Questo concetto è stato un grande successo negli Stati Uniti, prima di conquistare l'Europa negli anni '80. Ad esempio, gli uffici della Connecticut General Life Insurance Company a Bloomfield, progettati da Florence Knoll Basset in collaborazione con Gordon Bunshaft nel 1957. La pianta aperta, le partizioni mobili dell'ufficio, l'allineamento delle postazioni di lavoro e l'illuminazione sopraelevata da falsi soffitti luminescenti dovrebbero consentire un notevole risparmio di spazio, fornire un maggiore comfort sul lavoro, garantire una migliore comunicazione tra i dipendenti e consentire ai manager di avere una visione globale delle attività dell'azienda. Mentre l'esempio di Bloomfield si ispira principalmente all'architettura neutrale e contemplativa di Mies van der Rohe, se nella visione originale dei fratelli Schnelle gli uffici paesaggistici, decorati con numerose piante verdi e dipinti, erano aperti alla natura e all'arte, il tipo standard di design open space è ora messo in discussione da alcuni. Viene rimproverato per il suo carattere rumoroso, e per il fatto che, per chi lavora, non è mai possibile isolarsi, consegnato così com'è a un terzo, collega o superiore. Già in "Surveiller et punir" (1975), Michel Foucault criticava questa divisione panoptica e utilitaristica immaginata per il mondo carcerario dai fratelli Bentham alla fine del XVIII secolo, poi applicata al mondo del lavoro. 

    Arredamento aziendale / Nelle aziende, i principi dell'open space valgono anche per il bancone, oggi noto come reception: non più vecchi banchi come muri che separano i dipendenti dal pubblico. I banchi della reception sono progettati con cura: in legno di ciliegio, faggio o truciolare, sono spesso di colore chiaro, per creare una morbida armonia e un'atmosfera rilassante. Le loro forme avvolgenti e gli angoli a 90° sono destinati ad essere accoglienti. Alcuni sono dotati di scaffali per il riposo delle borse, altri sono realizzati per l'accoglienza del visitatore seduto. Allo stesso modo, il guardaroba dell'ufficio nasconde oggi una grande solidità sotto falso legno o colori vivaci che cercano di dare un aspetto caldo a questo mobile utilitaristico. Anche gli spazi di stoccaggio sono cambiati. Appositamente studiate per lo stoccaggio di scatole da archivio, le scaffalature modulari offrono molteplici combinazioni di stoccaggio: l'assenza di traverse permette un facile accesso a tutti i lati. È cambiato anche l'armadio da ufficio progettato per contenere le scatole dell'archivio: al posto del vecchio armadio a tamburo in metallo, a volte pesante da maneggiare e spesso rumoroso, ci sono armadi con ante scorrevoli, dotati di ripiani regolabili e con supporti per cartelle sospese, scatole di archiviazione o file in formato A4. Il tavolo da conferenza è analogamente modulare: che formi una U o un semicerchio, unisce o separa, a seconda delle esigenze, ogni tavolo può essere indipendente o fissato all'insieme con gambe condivise. 

    L'ufficio a casa / Nei nostri interni, l'ufficio è oggi di dimensioni ridotte. Spesso dotato di uno o più piedistalli integrati o mobili, è diventato un mobile per computer facile da maneggiare e poco ingombrante. Il portapenne ha sostituito la scrivania, lo smistatore di lettere, le gradinate o le scatole di cartone. Tuttavia, parallelamente all'uso di questo mobile funzionale, c'è il gusto per i tavoli da scrittura in legno massiccio, per il vecchio banco di scuola e la lavagna, e per il piccolo scrittoio con piedistalli, che riprende le sue forme aggraziate anche di giorno. Alcuni designer varieranno su queste forme tradizionali modernizzandole in base alla struttura, al materiale o al colore. Marc Berthier crea così, dal 1967, il tavolo-studio e la sedia Ozoo 600. Realizzato in poliestere rinforzato con fibra di vetro, assume la forma tradizionale di un banco di scuola e sarà distribuito da Roche-Bobois con il nome di Ozoo 700. Nel 1984, Pierre Sala ha immaginato lo scrittoio Clairefontaine in legno laccato, acciaio inossidabile e carta: il suo piano è costituito da un blocco ricaricabile di 625 fogli di carta montati su quattro gambe a matita. L'ufficio/funzione è così diventato un ufficio-oggetto o oggetto-souvenir, ricco di associazioni emotive che i mobili freddi non danno.


    Il nostro sito web utilizza dei cookies. Navigando sul nostro sito, voi accettate di usare dei cookies. Per avere maggiori informazioni riguardo al modo in cui noi usiamo i cookies e gestiamo le vostre preferenze, vedere la rubrica. Informazioni sui cookies
    Chiudi