it 
  •  fr
  •  gb
  •  de
  •  es
  • Inspirations

    Universi :  Tessuti Tende Passamaneria

    Una breve storia delle arti tessili nell'arredamento francese. Con il regno delle vetrate e delle finestre divisorie che filtrano la luce del giorno, la tenda come la conosciamo oggi appare solo in ritardo nei mobili francesi. Tende e tendaggi venivano utilizzati principalmente per riscaldare i letti, mentre gli arazzi erano il principale elemento decorativo delle pareti fino all'inizio del XVII secolo, quando divennero parte di un rivestimento a compartimenti stagni alla francese.

    Dal Medioevo al Rinascimento, quindi, drappi e arazzi decoravano le pareti, mentre i letti erano sormontati da un cielo e chiusi da tende per proteggere dal freddo e dalle correnti d'aria. Sulle pareti dei palazzi e dei palazzi, i drappi mostrano scene di caccia, raccontano gli amori degli eroi e degli dei o descrivono il ciclo sempre rinnovato delle stagioni. Sotto Luigi XIII, le pareti delle sale erano tese con arazzi o pelle goffrata e dorata, poi pannellature alla francese accompagnavano o sostituivano gli arazzi. I tavolini fissi sono ricoperti da tappeti colorati scintillanti, i letti sono avvolti da mantovane e tendaggi arricchiti da velluti cesellati e ...
    Nya Nordiska
    JASNO
    Art And Blind
    LALIE DESIGN
    MAISONS DU MONDE
    CR CLASS
    Maison De Vacances

    Scoprite la selezione di...

    Arthur Aquino
    Sarto/a di alta moda
    Aurélia Santoni
    Architetto d'Interni
    Gaël Manes
    Designer
    Nadine Jarousseau
    Marketing
    ... ricami a righe, il tutto sormontato da un baldacchino. Durante il regno di Luigi XIV, sono state mantenute tutte le caratteristiche decorative di Luigi XIII, come la zoccolatura sormontata da arazzi. Interamente arredato con tessuti, il letto ha quattro montanti in legno che sostengono un semplice cielo sormontato da vasi e piume: questo è il letto "alla francese".

    Con La Régence, le dimensioni degli appartamenti sono ridotte, le forme degli arredi sono più leggere, le linee sono più flessibili e la ricerca del comfort e dell'intimità è fondamentale. Il rinnovamento dell'arredamento, lo sviluppo di piccoli appartamenti e il crescente uso del legno creano un repertorio pastorale di grazia e freschezza nel campo degli arazzi e dei tessuti d'arredamento. Durante il regno di Luigi XVI, la tavolozza dei rivestimenti divenne più leggera e per decorare le pareti furono utilizzati smalti, sete, carta da parati e carta da parati indiana. Le tappezzerie delle sedute e la moda delle tappezzerie da parete hanno infine favorito lo sviluppo delle sete broccate e dei rasi prodotti dai grandi produttori di seta di Lione...

    Il gusto etrusco del Direttorio metterà in moda le antiche velme e ombrelle e l'uso di complessi tendaggi plissettati che vengono fissati alle pareti. Mentre l'Impero continuava l'abitudine di drappeggiare la camera da letto a forma di tenda, i tessuti plissettati divennero di moda, mentre l'uso moderno dei tessuti a tensione piatta si diffuse ben presto.

    Sotto la Restaurazione, il ruolo del tappezziere è aumentato ulteriormente. Se i tendaggi di seta sono piuttosto rari nelle case private, le tele e i cotoni stampati come le tele di Jouy sono invece molto popolari. La nascente moda delle poltrone ad arazzo alla fine del regno di Carlo X dà un posto d'onore al tessile. Tappeti, infine, hanno completato l'arredamento, disponibile in tonalità abbastanza tenui da mimetizzarsi con il resto.

    Il regno di Luigi Filippo è segnato da una sempre maggiore ricerca di comodità, che coincide con l'ascesa della borghesia. Tende, velieri, tende a bolla e tessuti pesanti riempiono porte, finestre e letti, attutiscono i rumori della strada e filtrano la luce naturale dalla dura luce del giorno. Il tappezziere continuò a regnare sovrano durante il Secondo Impero e portò in primo piano tutte le raffinatezze delle passamanerie: bouffette, trecce crestate, nappe a più corpi, frange e pompon riempivano mobili e paralumi, mentre cravatte, cordoncini e mantling creavano sapienti pieghe per giocare con effetti moire e mutevoli riflessi di luce. Il tessuto per tappezzeria è un elemento essenziale dell'interior design. È onnipresente, dalle tende mantling alle sedute imbottite e sfrangiate, dai tavoli a battiscopa ai caminetti smerlati. Le pareti sono tese di seta, le poltrone ricoperte di chintz, e ovunque velluti, broccati, reps e lampassi sono il segno dell'opulenza e dello splendore.

    Se l'Art Deco, nella sua ricerca del lusso, ha dato il primato all'arazzo su pareti, sedute e paraventi, l'Art Nouveau, che tende a sottolineare la nuda bellezza della linea, allora il funzionalismo, che milita per la verità dei materiali, firmerà la morte definitiva di questa arte dell'imbottito. La "legge del ripolin" propugnata da Le Corbusier trionferà e vedrà per molto tempo venire il regno delle mura bianche che è ancora nostro. Con la moda delle grandi vetrate e degli spazi aperti, le tende con tessuti pesanti saranno gradualmente sostituite da tende da barca o da tende sottili che lasciano passare la luce.
    Nuove tendenze tessili: i tessuti e le tende sono definitivamente scomparsi dai nostri interni? Non è così, e negli ultimi dieci anni circa abbiamo assistito a un innegabile rilancio dei tessuti d'arredamento segnato da diverse tendenze. La prima tendenza è quella delle tende in cotone o lino declinate in bianco puro e legate con semplici annodature: troverete su Decofinder i modelli delle Maisons du monde, di Côté Bastide che rinnovano lo stile country e l'ispirazione provenzale o il marchio Coquecigrues che varia con spirito su un tradizionale motivo toile de Jouy. Accanto a questi cotoni ariosi, altre case offrono materiali naturali che offrono la loro autenticità e il loro fascino grezzo: ad esempio, la Compagnie Marianne Oudin, editrice di tessuti realizzati con fibre vegetali, come ortica, giacinto d'acqua, abaca, banana, ananas, canapa o iuta, che possono essere utilizzati per tende, tende, claustra, paraventi o grandi cuscini da pavimento. 

    Nuove tendenze tessili: i tessuti e le tende sono definitivamente scomparsi dai nostri interni? Non è così, e negli ultimi dieci anni circa abbiamo assistito a un innegabile rilancio dei tessuti d'arredamento segnato da diverse tendenze. La prima tendenza è quella delle tende in cotone o lino declinate in bianco puro e legate con semplici annodature: troverete su Decofinder i modelli delle Maisons du monde, di Côté Bastide che rinnovano lo stile country e l'ispirazione provenzale o il marchio Coquecigrues che varia con spirito su un tradizionale motivo toile de Jouy. Accanto a questi cotoni ariosi, altre case offrono materiali naturali che offrono la loro autenticità e il loro fascino grezzo: ad esempio, la Compagnie Marianne Oudin, editrice di tessuti realizzati con fibre vegetali, come ortica, giacinto d'acqua, abaca, banana, ananas, canapa o iuta, che possono essere utilizzati per tende, tende, claustra, paraventi o grandi cuscini da pavimento.   
    Per quanto riguarda i tessuti da rivestimento, le fibre vegetali continuano a conquistare tutti i favori, abaca, rabane o ramiè, così come i lini stropicciati e i cotoni lavati, che associamo ai mobili in stile, alla pastorella Luigi XV o alla poltrona Luigi XVI, così come ai mobili ultra-contemporanei e minimalisti. Ma rimane il gusto per materiali sensuali e preziosi, pelle, alpaca, astrakan. Infine, vengono rieditati modelli di damaschi, lampassi o broccati antichi, ma piuttosto che associarli a un'esuberante tappezzeria come nel Secondo Impero, sono destinati a un pezzo unico, poltrona, paravento o pannello da parete dove si dispiegheranno come kakemonos, veri e propri quadri tessili.     

    Passamaneria: un nuovo vocabolario plastico: Infine, dobbiamo riscoprire la passamaneria che, grazie all'inventiva delle sue forme e alla varietà dei suoi materiali, sarà in grado di abbellire le tende più contemporanee come pesanti broccati alla vecchia maniera. La casa spagnola Color de Seda crea dei pompon che evocano nuvole, pulcinelle a forma di fiori o di conchiglie, affusolati che hanno la leggerezza delle ali di una farfalla. Per quanto riguarda Thomas Boog, ha unito le sue forze a quelle di Declercq Passementiers per creare un superbo ramo di corallo in passamaneria, che evoca le scogliere tropicali. Infine, non perdete l'occasione di scoprire le creazioni di Rémy Lemoine sul sito. Lasciatelo parlare, perché riassume meglio di chiunque altro la rinascita delle passamanerie, grazie alle quali un semplice abbraccio può diventare un gioiello o una scultura: "Le passamanerie si trasformano in scultura, e diventano un'opera d'arte. L'abbraccio è un gioiello di forma semplice e contemporanea. Corno di vetro di Murano, collana di paglia, ellisse di legno, vimini, cuoio, rafia sono qui lavorati a volute e il ferro battuto si trasforma in un porta-tenda. Far emergere l'abbraccio dei cliché tradizionali della decorazione basando il mio lavoro e la mia riflessione sull'uso di tecniche tradizionali o d'avanguardia. Riscrivere la tradizione con un nuovo vocabolario plastico per far risuonare un nuovo linguaggio".



     
     

    Il nostro sito web utilizza dei cookies. Navigando sul nostro sito, voi accettate di usare dei cookies. Per avere maggiori informazioni riguardo al modo in cui noi usiamo i cookies e gestiamo le vostre preferenze, vedere la rubrica. Informazioni sui cookies
    Chiudi